venerdì 10 agosto 2018

CURCH ETHICS PERMEATE PRIVATE NOT PUBLIC HOSPITALS

The Irish Times - Controversy about ethical codes overstates church influence in healthcare. Agitation over the Catholic bishops Code of Ethical Standards for Healthcare in recent weeks was greatly exaggerated. Relevant healthcare facilities are not run by the bishops but by religious congregations and, as the bishops’ spokesman Martin Long pointed out, “the governance of individual hospitals and the application of an ethos in these institutions is a matter for the board or the religious order concerned”. To illustrate the guarded independence of such hospital boards, you need only go back to the 2013 Protection of Life during Pregnancy Act, which set out the circumstances where an abortion may be performed in Ireland...>>>

giovedì 9 agosto 2018

TESTA A TESTA LOMBARDO PER GLI OSPEDALI DI ALBENGA E CAIRO: POLICLINICO DI MONZA VS GRUPPO SAN DONATO

I.V.G. - Si preannuncia una sfida tra colossi della sanità, ligure e lombarda, per l’affidamento (per una durata di sette anni, prorogabili per ulteriori cinque) degli ospedali di Albenga, Cairo Montenotte e Bordighera. L’apertura delle buste contenenti le offerte relative al bando di gara per l’affidamento ai privati dei tre presidi è in corso nella sede di Regione Liguria (oggi 9 agosto 2018), in via Fieschi (sala A), a Genova. Tre le offerte presentate. In corsa: il Policlinico di Monza, il Gruppo ospedaliero San Donato di Milano e l’Iclas di Rapallo...>>>

mercoledì 8 agosto 2018

MEDICARE FOR ALL MAKES A LOT OF SENS

CNN - The economics of Medicare for All championed by Sen. Bernie Sanders are actually quite straightforward. Under what advocates call "M4A," health care coverage would expand while total spending on health care -- by companies, individuals and the government -- would decline because of lower costs. More would be paid through the government and less through private insurers.
M4A would reduce health care costs for three reasons. First, Medicare pays hospital and doctors at lower rates than private insurers. Second, drug prices would be lower. And third, there would be administrative savings...>>>

martedì 7 agosto 2018

DECRETO DIGNITÁ, IL NUOVO TESTO RISCHIA DI CREARE CONFUSIONE TRA RICERCA PUBBLICA E PRIVATA

Il Fatto Quotidiano - Le nuove norme contenute nel disegno di legge in discussione alla Camera contribuiscono a creare confusione e disparità tra ricerca pubblica e privata. Dopo gli ultimi ritocchi in Commissione, il decreto Dignità arriva all’esame della Camera, e le strette sui contratti a termine, per come formulato il testo attuale, potrebbero avere serie conseguenze su un buon numero di addetti che operano nel mondo della ricerca scientifica. Il tutto in un contesto di scarsa attenzione da parte dell’opinione pubblica e della stampa. Il tema, sollevato dai direttori degli Istituti di...>>>

lunedì 6 agosto 2018

DIFFÉRENCES MARQUÉE ENTRE LES CENTRES DE SOINS DE LONGUE DURÉE PUBLICS ET PRIVÉS

Radio Canada - En Colombie-Britannique, les pensionnaires d'établissements de soins de longue durée privés sont 54 % plus à risque de mourir à l'hôpital que ceux qui sont soignés dans des centres publics, selon la représentante des aînés de la province, Isobel Mackenzie. Son rapport publié mercredi démontre que les établissements privés ont davantage recours aux services d'urgences que ceux qui relèvent de l'État.
En étudiant des données compilées entre 2012 et 2016, le Bureau de la représentante des aînés de la Colombie-Britannique a déterminé que la qualité des services est équivalente dans les deux types d’établissements, sauf en ce qui concerne le recours aux urgences des hôpitaux...>>>

venerdì 3 agosto 2018

RETE OSPEDALIERA, CLINCHE PRIVATE ALL'ATTACCO: "PERPLESSITA' SULLA BOZZA DI RIORGANIZZAZIONE"

La Repubblica/Palermo - Adesso l’appuntamento è fissato per martedì. Ma le polemiche sono già in arrivo. La rete ospedaliera ridisegnata dall’assessore alla Sanità Ruggero Razza muove i primi passi fra le polemiche: il 31 luglio la commissione Sanità dell’Ars analizzerà la bozza, che cancella 196 poltrone da primario (89 nel pubblico, 107 nel privato) e ne istituisce 26 rispetto al piano Crocetta.
Il piano, però, non piace all’associazione delle cliniche private: “L’Aiop – si legge in una nota dell’associazione delle cliniche private - esprime perplessità rispetto a una programmazione, nella quale un consistente incremento dei posti letto pubblici (che va, tuttavia, chiarito e precisato nel numero complessivo) possa, in qualche modo, arrecare pregiudizio a questo comparto che, responsabilmente, in questi anni...>>>

giovedì 2 agosto 2018

LAZIO. PARISI: E' STATO CORRETTO ERRORE SULLA SANITA' PRIVATA

AskaNews - L’assessore regionale Alessandra Sartore ha informato della volontà della giunta regionale del Lazio di ritirare l’articolo 37 del collegato alla legge di bilancio da oggi in discussione generale. 
La norma avrebbe di fatto imposto l’alt alle strutture sanitarie private, o creato immense complicazioni amministrative. Queste, infatti, avrebbero dovuto sottostare alla verifica di compatibilità con il fabbisogno sanitario pur essendo svincolate dal fondo regionale e quindi potendo contribuire al controllo della spesa sanitaria stessa”. Così in una nota Stefano Parisi, portavoce del centrodestra alla regione Lazio. “La giunta – spiega – aveva inserito questo articolo sotto la pressione del tavolo ministeriale che lo riteneva condizione necessaria ad uscire dal commissariamento...>>>

mercoledì 1 agosto 2018

PRIVATE HEALTH SECTOR MOST VULNERABLE TO DATA BREACHES

The Guardian - The private health and financial sectors suffered more data breaches than any other sector between April and June, with human error a major source of those breaches. The quarterly notifiable data breaches report published by the Office of the Australia Information Commissioner (Oaic) on Tuesday found malicious or criminal attacks accounted for 59% of data breaches, with theft of paperwork or storage devices a significant source of those attacks. Human error accounted for 36% of data breaches. “Further, many cyber incidents in this quarter appear to have exploited vulnerabilities involving a human factor (such as clicking on a phishing email or disclosing passwords),” the report found...>>>

martedì 31 luglio 2018

MIGRANTI: +10,4% INFERMIERI STRANIERI IN OSPEDALI ITALIANI

Ocse-UecoopSono cresciuti del +10,4% gli infermieri stranieri in Italia negli ultimi dieci anni negli ospedali italiani arrivando oggi a quota 22.232 addetti. E’ quanto emerge da un’elaborazione dell’Unione europea delle cooperative Uecoop su dati Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) per quanto riguarda il fenomeno dell’immigrazione in corsia e nelle strutture di assistenza. La popolazione di operatori sanitari stranieri è pari al 5% del totale del personale infermieristico – spiega Uecoop – ed è composta per oltre la metà da immigrati dei paesi dell’Est come romeni (11.204), polacchi (2.374), e albanesi (1,032), mentre fra le altre comunità più rappresentate troviamo gli indiani (1.399) e i peruviani (1.080)...>>>

lunedì 30 luglio 2018

WHY GERMANY'S TWO-TIER HEALTH INSURANCE SYSTEM IS SO COMPLICATED

Handelsblatt Global - The German health insurance system has evolved into a strange mix of public and private companies. In some ways, it’s effective; in other ways, surprisingly flawed. Everybody loves to whine about healthcare. 
In Britain, the single-payer National Health Service is free but also overburdened. In the United States, the fragmented system of employer-sponsored, government-run and individual insurance is patchy, unaffordable and leaves many people without any coverage. In Germany, too, people complain. But that is probably more because they’re German than because the system is bad. As an American living in Germany, I find this German hybrid healthcare system to be a breath of fresh air....>>>

venerdì 27 luglio 2018

SANITA': ANZIANI ABBANDONATI O CON LE BADANTI, "TROPPA BUROCRAZIA PER LE RSA"

Jessica Faroni presidente INI
The Startupper - Troppi anziani in casa nonostante le malattie, tanti posti liberi nelle Rsa. "Colpa della burocrazia" denuncia la presidente regionale delle strutture sanitarie private. Per Jessica Faroni occorre snellire.
Anziani abbandonati, molto spesso colpiti da malattie invalidanti, lasciati in casa tutta l’estate con le badanti, o sistemati in case di riposo indipendentemente da disturbi o patologie. E intanto, a luglio e agosto, facendo un giro tra le Residenze sanitarie assistenziali (Rsa), alcuni posti letto sono vuoti. Il motivo: un’eccessiva burocrazia che rende l’accesso nelle strutture troppo complicato spingendo verso altre soluzioni. «Le Rsa spesso rimangono vuote perché è molto farraginosa la burocrazia per entrare, è un meccanismo che non è snello per gli anziani. Non tutti sono accuditi da famiglie e anche le famiglie spesso hanno difficoltà», spiega Jessica Faroni, presidente del Gruppo INI Istituto Neurotraumatologico Italiano..>>>

giovedì 26 luglio 2018

E-HEALTH 4.0 REALTA' AUMENTATA LEVA DI SKILL

Corriere Comunicazioni - Valorizzare le potenzialità della realtà virtuale per formare nuovi professionisti del settore sanitario, rispondendo al crescente bisogno di tecnici per la gestione delle apparecchiature mediche. GE Healthcare, divisione medicale di General Electric, ha lanciato una nuova soluzione per la formazione interattiva e personalizzabile tramite dispositivi indossabili e tecnologia web-enabled. Le innovazioni introdotte puntano ad affrontare una delle grandi sfide davanti a cui si trova oggi la Sanità: la necessità crescente di nuove figure specializzate nel settore della gestione delle tecnologie medicali. Si prevede infatti che nei prossimi 10 anni circa il 25% degli esperti del settore andrà in pensione e gli ospedali e i sistemi sanitari dovranno formare...>>>

mercoledì 25 luglio 2018

UK PRIVATE HOSPITALS SUFFER AS NHS BRINGS WORK BACK IN HOUSE

Financial Times - There are empty beds at Ramsay Healthcare’s Fitzwilliam hospital in Peterborough, a commuter city a couple of hours north of London. Like most UK private hospitals, the Fitzwilliam specialises in routine surgical procedures such as hip and knee replacements, cataract removal and hernia repair, with much of this work referred from the state-funded National Health Service. But NHS referrals fell 12.8 per cent in the year to March 31, putting pressure on the Australian private healthcare company, which earns 80 per cent of sales in this way. The picture is repeated across the country, as the £5.78bn private hospital market feels the effects of NHS cuts and a relaxation of the rules on patient waiting times...>>>

martedì 24 luglio 2018

CITTADINI (AIOP): "PRIVATO E' RISORSA STRATEGICA"

Barbara Cittadini, presidente AIOP
Regioni.it (Italpress) - "Nonostante le strutture ospedaliere private accreditate siano parte della rete sanitaria, che consente alle Regioni di garantire un'offerta di prestazioni e di servizi ai cittadini italiani, alcuni governi regionali continuano a considerarle come elemento integrativo e sussidiario rispetto alla componente pubblica del sistema, non valutando la quantita', la qualita', l'efficienza, l'efficacia delle prestazioni garantite al sistema". 
E' quanto si legge in una nota dell'Aiop. "Il settore privato accreditato garantisce piu' del 25% delle prestazioni ospedaliere erogate dal Ssn, incidendo per il 15% sulla spesa complessiva. La fotografia del sistema mostra che le suddette strutture potrebbero garantire prestazioni maggiori ed arginare il fenomeno le liste di attesa...>>>

lunedì 23 luglio 2018

RESEARCHERS FIND THAT PRIVATE INSURANCE PAYS MORE FOR EMERGENCY DEPARTEMENT VISITS

Medical Xpress - Researchers at the University of North Carolina found that, over the past 20 years, private insurers have paid more for a visit to the emergency department than Medicare or Medicaid. For this work, titled "Per-visit Emergency Department Expenditures by Insurance 1996-2015"and published in the July edition of Health Affairs, UNC Family Medicine fellow Jonathan Yun, MD, MPH, and two other researchers, used data from the 1996 through 2015 Medical Expenditure Panel Survey to study charge and payment trends for ED visits paid by Medicare, Medicaid, and private insurance. In 2016, the average annual costs per person for health care in the United States was $10,345, more than...>>>

venerdì 20 luglio 2018

SANITA' PUBBLICA: CNEL, "PERFORMANCE MEDIAMENTE DI BUON LIVELLO"

Agensir - “Le performance della sanità pubblica italiana continuano ad essere valutate, in tutte le analisi nazionali ed internazionali, mediamente di buon livello, sia rispetto agli standard europei e degli altri Paesi avanzati, che rispetto alla situazione epidemiologica del Paese”. È quanto emerge dalla “Relazione annuale sulla qualità dei servizi offerti dalle PA centrali e locali a imprese e cittadini” relativa all’anno 2017 che il Cnel (Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro) presenta questa mattina alla Camera dei deputati. “Al tempo stesso – prosegue la relazione – nel corso degli ultimi anni si sono evidenziate e sono state segnalate con frequenza crescente alcune criticità, tipiche dei Paesi avanzati economicamente e...>>>

giovedì 19 luglio 2018

EXCLUSIF: LES PROFESSIONELS DE SANTE' PLEBISCITENT LES RECOURS AUX CLINIQUE PRIVEES POUR SOULANGER LES URGENCES

Journal International de MédecineDepuis le début de l’année, les alertes concernant le débordement des services d’urgences publics se multiplient. Avec l’été, les difficultés pourraient s’accroître encore davantage dans certaines structures : des fermetures ont déjà dû être décidées avant même le 14 juillet et les plus importants départs en vacances. D’abord annoncées pour le mois de juin, puis finalement repoussées jusqu’à l’automne, des mesures majeures doivent être annoncées par le gouvernement pour faire face à cette situation et plus globalement au malaise de l’hôpital public. Qui dit "public" doit-il cependant signifier l’exclusion des structures privées? Si les responsables de ces dernières craignent que cette logique continue à être privilégiée, elles s’emploient à rappeler...>>>

mercoledì 18 luglio 2018

"SANITA' PUBBLICA E PRIVATA NEL SSN": FOCUS SU PARTNERSHIP PUBBLICO-PRIVATO

Motoresalute.it - Circa 35 milioni di italiani nel 2016 hanno affrontato spese sanitarie di tasca propria, pari ad una spesa di 35 miliardi di euro. Gli anziani, sempre più numerosi spendono una volta e mezzo in più rispetto alla popolazione generale e più del doppio (gli anziani non autosufficienti) in tema di out of pocket. Circa 13 milioni di italiani hanno difficoltà a far fronte alla spesa sanitaria, 7,8 milioni hanno usato tutti i risparmi per fronte alle spese sanitarie rispetto a 2 milioni di persone che aumentano la categoria della nuova povertà. La spesa sanitaria privata nel 2017 si è attestata su circa 35 miliardi e solo 5 miliardi sono stati intermediati da forme sanitarie integrative (12 milioni italiani (il 19%) fanno ricorso alla ‘spesa intermediata’ di cui il 55% sono dipendenti e il 14% autonomi) e tale settore gestisce circa 5 milioni...>>>

martedì 17 luglio 2018

PRIVATE MANAGEMENT CONSULTANT SPENDING AT DEPARTEMENT OF HEALT NEARLY TRIPLED LAST YEAR, ACCOUNTS SHOWS

The Indipendent - Spending on private management consultants at the Department of Health and Social Care nearly tripled last year, despite a push to cut running costs by a third, official figures show.
The department’s annual report reveals that in 2017/18 it spent £12.4m on consultancy services, up from £4.5m in 2016/17.
This extra spending was needed to secure “specialist support not available with the Department of Health and Social Care (DHSC)”, the report said. It comes after it cut hundreds of jobs to meet its pledge on reducing spending by 30 per cent in 2019...>>>

lunedì 16 luglio 2018

I SISTEMI SANITARI EUROPEI ARRANCANO. ECCO PERCHE?

Grazia Labate 
Quotidiano Sanità - La sanità ha sue specifiche peculiarità, che ogni paese fin’ora ha voluto risolvere per conto proprio. La crisi globale del 2008 si è abbattuta sui sistemi sanitarie tra tagli, razionalizzazioni e maggiore selettività nell’uso di servizi e prestazioni, blocco dei rinnovi contrattuali e delle assunzioni di personale, si sta giocando un gioco d’azzardo pericoloso che porta dritto al principio del chi più ha meglio si cura. Occorre trovare un nuovo principio di solidarietà che coniughi responsabilità collettiva ed individuale... in Italia... ad oggi, le fonti pubbliche coprono il 95 per cento della spesa ospedaliera, ma solo il 60 per cento della spesa per prestazioni ambulatoriali e il 46 per cento della riabilitazione ambulatoriale;
 permangono le differenze Nord-Sud...>>>

lunedì 9 luglio 2018

UNA PAUSA E ARRIVEDERCI A LUNEDI' 16 LUGLIO

La nostra rassegna di news si ferma per una settimana. 
Sarà un breve periodo di riposo. 
L'appuntamento é quindi per 
lunedi 16 giugno, con la nostra consueta 
cadenza giornaliera: segnalazioni quotidiane 
di articoli, dall'Italia e dal mondo su temi inerenti la sanità privata 
e informazioni ad essa collegate.

venerdì 6 luglio 2018

FUTURE TRENDS IN HEALTHCARE

Sigal Atzmon, President/CEO, Medix
Enterprise Innovation - Let's start with some key statistics: There is a global shortage of 7.2 million healthcare workers – a figure that will likely double by 2035. People are living longer but often with chronic diseases, putting significant strain on healthcare systems around the world. 
Led by a public funding crisis, more demanding patients are spending more on private health insurance and healthcare services, yet overworked doctors, a fragmented and a non-transparent system often lead to increases in misdiagnosis and under-, or overtreatment. 
It is clear that healthcare landscapes will have to be revolutionized if we want to keep healthcare accessible, affordable and sustainable...>>>

giovedì 5 luglio 2018

FARMACI, RAPPORTO OSMED: SPESA PUBBLICA E PRIVATA SFIORA I 3O MILIARDI

Farmacista 33 - La spesa farmaceutica sanitaria nazionale totale - pubblica e privata - ha raggiunto nel 2017 quota 29,8 miliardi di euro, per il 75% rimborsati dal Servizio Sanitario Nazionale. Rapportata al totale della popolazione italiana, sono circa 492 euro spesi in media in un anno da ogni cittadino, in aumento rispetto al 2016, dell'1,2%, ma con andamenti molto differenziati tra le singole componenti, così come tra le diverse Regioni e Province Autonome.
A fare i conti è il Rapporto sull'uso dei farmaci in Italia presentato a Roma dall'Agenzia italiana del farmaco. Uno strumento di lavoro quotidiano che cerca di rendere chiaro e comprensibile ciò che facciamo, utile a noi come agenzia regolatoria, ma anche a tutti gli altri attori per una programmazione corretta», ha detto il direttore generale...>>>

mercoledì 4 luglio 2018

THE IMPORTANCE OF THE HEALTHCARE SECTOR TO THE SUSTAINABLE DEVELOPMENT GOALS

Forbes - It is now widely accepted that the private sector, both companies and investors, is essential to accomplishing the 169 targets in the 17 Sustainable Development Goals (SDGs). Of course, there is a tension here. The SDGs are about making the world a better place. 
That is not the primary reason companies exist, although the state of the world matters to them. Thus, they should work to create a better world while still delivering the expected returns to their shareholders. This can be done by focusing on the material environmental, social, and governance (ESG) issues that matter for value creation and knowing which SDGs and their targets will benefit....>>>


martedì 3 luglio 2018

SANITA', UNA QUESTIONE DI STATO

Avvenire - «Restiamo il Paese più sano al mondo. Ma spendiamo poco in sanità e la domanda aumenta, così come il malcontento della gente. Come finirà? Che l’attesa per ricevere diagnosi e cure aumenterà. E che molta gente si rivolgerà al privato puro, con un conseguente aumento della spesa privata».
I dati sulla longevità in Italia lasciano pochi dubbi. E Paolo Rotelli, presidente del Gruppo ospedaliero San Donato (Gsd), ne ha ancora meno sui conti della sanità nostrana: «Spendiamo meno del 6,8% e lo Stato continuerà a disinvestire – ha detto in occasione della giornata “sanitaria” della Festa di Avvenire a Matera...>>>

lunedì 2 luglio 2018

THE HEALTHCARE SYSTEM IN SPAIN

Expatica - The Spanish healthcare system is ranked among the best in the world. Learn how to sign up for free state healthcare in Spain, or apply for health insurance as an expat.
If you’re living and working in Spain, you’ll likely have access to free state Spanish healthcare, paid partly by social security payments, which will be deducted from your wage. Sanitas, a health insurance company for internationals, explains how to obtain complete health coverage with affordable private health insurance. Spain’s healthcare system is regularly rated among the world’s best, guaranteeing universal coverage and no upfront expenditure from patients apart from paying a proportion of prescription charges... >>>

venerdì 29 giugno 2018

OCSE: SPESA SANITARIA IN MEDIA COME INCIDENZA SUL PIL (8,9% PUBBLICA + PRIVATA)

Quotidiano Sanità - Ma a livello di spesa pro capite scendiamo al 20° posto con ben 527 dollari in meno rispetto alla media degli altri Paesi

Gli ultimi dati dell'Ocse pubblicati ieri, relativi al 2017, ci fotografano nella media in termini di incidenza sul Pil ma confermano il gap reale in termini di spesa procapite ponderata, sia nel pubblico che nel privato. A livello di spesa pubblica la differenza con gli altri Paesi Ocse è di 305 dollari (noi spendiamo 2.622 dollari contro la media di 2.927) collocandoci al 19° posto. Mentre a livello di spesa privata siamo al 16° posto con una spesa procapite di quasi 920 dollari contro una media di 961. Al primo posto troviamo gli Stati Uniti con il 17,2%, a seguire la Francia con l'11,5%. Il dato italiano resta stabile rispetto a quello già registrato nel 2016...>>>

giovedì 28 giugno 2018

HOW PRIVATE SECTOR INNOVATIONS CAN IMPROVE HEALTH CARE

The Hill - Nobody disagrees that demographic shifts in America portend a serious reckoning for critical programs for senior citizens like Social Security and Medicare. Census data for 2017 show there are 25 people age 65 years and older for every 100 people in the workforce - the people who pay into Social Security and Medicare. 
The number of retirees climbs to 35 for every 100 workers by 2030, and 42 retirees per 100 people in the workforce by 2060. This is a sobering trend that will significantly affect Social Security and Medicare funding. The impact is particularly troubling...>>>

mercoledì 27 giugno 2018

SANITÀ. RAPPORTO I-COM: IN ITALIA SPESA SANITARIA INCIDE SU PIL 8,9%

Dire - La spesa sanitaria totale in Italia incide per l'8,9% del prodotto interno lordo, di poco al di sotto della media europea (9%), ma distante dai valori che si registrano in Germania (11,3%), Francia (11%) e Belgio (10,4%). In merito al rapporto tra spesa sanitaria pubblica e Pil, il dato italiano e' pari al 6,7%, in linea con il resto d'Europa. Negli ultimi anni nel nostro Paese l'inesorabile arretramento del finanziamento pubblico alla sanita' ha costretto i cittadini ad attingere sempre di piu' alle proprie tasche per accedere alle cure. infatti, a fronte della progressiva riduzione del peso della spesa sanitaria pubblica sul prodotto interno lordo, c'e' stato un aumento della spesa privata che e' pari al 2,2% del Pil...>>>

martedì 26 giugno 2018

NHS COLLABORATES WITH PRIVATE HEALTH ON SHARING PATIENT DATA

Computer Weekly - (London) Work has begun on establishing a set of data standards to enable private healthcare patients’ data to be shared with the NHS
NHS Digital and the Private Healthcare Information Network (PHIN) have unveiled plans to collaborate on an initiative to ensure consistency of patient data. The Acute Data Alignment Programme (ADAPt) aims to integrate data on privately funded healthcare into NHS systems and standards for the first time. NHS Digital said this will address a long-standing concern about the lack of visibility of quality in private care and will promote the completeness of patient records where some private care has been received...>>>

lunedì 25 giugno 2018

SANITA' DIGITALE: LA TECNOLOGIA PER POTENZIARE IL RAPPORTO TRA MEDICO E PAZIENTE

Top Trade - La tecnologia alla base della medicina del futuro. E’ la vision dei medici millenials come emersa dall’ultima ricerca “Generation NOW, il futuro visto dai millenials della salute”, realizzata da Havas Life in collaborazione con Ipsos. Una survey globale, presentata in casa Sanofi a Milano, che ha coinvolto un campione di 152 medici della generazione Millenials e dalla quale è emersa l’aspettativa ad un impiego sempre più massiccio della tecnologia in ambito medico, andando però contemporaneamente a rafforzare e rendere più vivo e vero il rapporto con il paziente. “I medici millenials nascono con la tecnologia, quindi sono persone abituate a vivere quotidianamente la tecnologia nella loro vita privata – spiega Nicola Neri, amministratore delegato di Ipsos Italia -. L’aspettativa è quindi quella di utilizzare la tecnologia...>>>

venerdì 22 giugno 2018

WHAT STAKEHOLDERS THINK OD SA'S PROPOSED NEW HEALTHCARE LAWS

Business Day - Health Minister Aaron Motsoaledi  (South Africa) unveiled two bills on Thursday intended to move SA towards universal access to quality healthcare — the Medical Schemes Amendment Bill and the National Health Insurance (NHI) Bill. Proposed changes to the Medical Schemes Amendment Act include the eradication of co-payments for medical aid members when medical aids do not cover their full doctor or hospital bills. Vaccinations‚ primary and preventative care and contraceptives have to be paid for by medical aids‚ which generally do not cover preventative healthcare. The bill also proposes the abolition of medical aid brokers...>>>

giovedì 21 giugno 2018

ANZIANI A CASA, CRESCE L'ASSISTENZA FORMATO FAMIGLIA

Avvenire - «In un’Italia sempre più anziana, in cui tra dieci anni gli ultrasessantacinquenni rappresenteranno un terzo della popolazione, l’assistenza domiciliare è il futuro». Ne è convinto il presidente Uneba, Franco Massi, che ha aperto a Milano il convegno nazionale sul tema organizzato dalla sua realtà, una galassia di associazioni di categoria, enti sociosanitari e assistenziali con circa mille enti aderenti di cui 300 solo in Lombardia, in gran parte enti non profit di radice cattolica (l’Uneba fu voluta 60 anni fa dall’allora arcivescovo di Milano, Giovanbattista Montini).
«Se esaminiamo l’andamento e la quantità di servizi offerti nel settore socio-sanitario-assistenziale – ha fatto notare ancora Massi – e mi riferisco alle residenze per anziani, per disabili, ai centro diurni, ai vari istituti, l’assistenza domiciliare avrà in prospettiva l’incremento maggiore...>>>

mercoledì 20 giugno 2018

MILLENNIALS ARE ON TRACK TO HAVE WORSE HEALTH IN MIDDLE AGE YHAN THEIR PARENTS, ACCORDING TO A NEW REPORTING

Business Insider - Millennials already have it tough. Their wages are stagnating, they are unlikely to own homes, and they're often told they are entitled and lazy. And according to a new report by the Health Foundation think tank, millennials may be the first generation to have poorer health in middle age than their parents. 
The report cites issues with employment, relationships, and housing that are now affecting people in their 20s and 30s as factors that could lead to a higher risk of developing diseases like cancer, diabetes, and heart disease later in life. Overall, the trend is "linked to long-term stress, anxiety, depression or lower quality of life", according to the report...>>>

martedì 19 giugno 2018

IL NUOVO GARANTE DEL PAZIENTE IN SANITA'

Corriere della Sera - Si sente spesso parlare degli OSS – Operatori Socio Sanitari, ma in pochi sanno chi sono e che lavoro svolgono quotidianamente. Si tratta di 200mila addetti attivi a livello nazionale che, con il Decreto Lorenzin del dicembre 2017, sono entrati a far parte dell’Area delle professioni sociosanitarie. Una figura già regolamentata dalla Conferenza Stato-Regioni del 22 febbraio 2001 che precisò le attività dell’OSS, la formazione, le attribuzioni e le competenze. Ma chi è l’OSS e dove si forma? L’Operatore Socio Sanitario aiuta il paziente nei bisogni di base favorendo il suo benessere e l’autonomia in tutti gli ambiti, sociali e sanitari, della sanità pubblica e privata...>>>

lunedì 18 giugno 2018

QUEL FUTUR POUR LES HOPITAUX ET LE CLINQUES PRIVÉES?

Hospitalia - Les établissements privés sont au carrefour de transformations qui vont profondément bouleverser le paysage sanitaire. Des mutations dès à présent anticipées par la Fédération de l’Hospitalisation Privée (FHP), dont le Président, Lamine Gharbi, nous livre une analyse sentie des enjeux à venir tout en nous dévoilant sa vision de la clinique de demain. 
Dans quel contexte s’inscrit l’évolution des organisations sanitaires et quel sera l'mpact sur le terrain? 
Lamine Gharbi: Cette évolution est à mettre en regard avec l’arrivée de nombreuses avancées technologiques (intelligence artificielle, génomique, robotique, …), qui modifient la manière-même dont les patients sont pris en charge. La part des actes réalisés en ambulatoire augmentera significativement...>>>

venerdì 15 giugno 2018

SPESA SANITARIA PRIVATA. VECCHIETTI (RBM): IL SECONDO PILASTRO ESISTE GIA' E AIUTA MOLTE FAMIGLIE"

Quotidiano Sanità - Perché non renderlo disponibile a tutti?  È quanto scrive l’Ad Direttore Generale Rbm Assicurazione Salute in occasione dell’invio al Ministro alla Salute Giulia Grillo, dell’anteprima della pubblicazione integrale dell’8° Rapporto Rbm-Censis presentato la scorsa settimana. Che risponde anche ai commenti arrivati nei giorni successivi alla presentazione dello studio.
“Gentile Ministro, grazie prima di tutto da cittadino e da operatore del settore salute per l’attenzione dedicata ai contenuti dell’VIII Rapporto Rbm-Censis. In queste ultime settimane mentre analizzavamo i risultati del Rapporto che fotografavano la crescita della Spesa Sanitaria Privata in Italia, abbiamo ritenuto nostro dovere...>>>

giovedì 14 giugno 2018

GB. PRIVATE MEDICAL INSURANCE WHAT YOU NEED TO KNOW

The Telegraph - The dominance of the National Health Service means private medical insurance has had a small market in Britain compared to other countries, and particularly the US, where there remains far less state support.
But, as fears of the health service’s ability to cope with ever-rising demand grows, that is beginning to change. Figures for 2016, published last year by LaingBuisson, an industry analyst, showed premiums relating to private medical cover hit £4.8bn. This represented a small rise on the previous year driven, the firm has previously said, by dissatisfaction with the NHS...>>>

mercoledì 13 giugno 2018

SANITA': MEDMAL, MARSH FOTOGRAFA SINISTRI A +3% E UN LIQUIDATO STABILE A 68MILA EURO -4-

Il Sole 24 Ore (Radiocor Plus) - Marsh ha aggiunto quest'anno un addendum al report MedMal Claims Italia dedicato ai sinistri nella sanita' privata. 
'Per quanto il campione sia numericamente inferiore - afferma il General Manager Marco Araldi - i trend in termini di crescita di frequenza dei sinistri e valore dei risarcimenti sono molto simili. Nei 12 anni presi in considerazione infatti si registra una crescita di circa il 4% annuo della frequenza e gli importi medi liquidati sono di circa 61.000 euro. Uno dei motivi alla base del numero inferiore di sinistri e' legato al fatto che nel privato il personale sanitario..>>>

martedì 12 giugno 2018

CAN LOW-INTENSITY CARE SOLVE HIGH HEALTH CARE COSTS?

The New York Times - How much you spend on medical care depends on what you get, but also where you get it. Confoundingly to many, the cost of the same procedure on the same patient by the same physician can vary by thousands of dollars depending on whether it’s performed in a hospital, a hospital’s outpatient department, an ambulatory surgical center or a doctor’s office. It can also vary by who’s paying the bill — which insurer or public program.
And even for the same insurer, cataract surgery might cost twice as muchin a clinic affiliated with a hospitalcompared with an independent surgery center. The cost of cancer care is significantly higher in hospital outpatient departments compared with community practices...>>>

lunedì 11 giugno 2018

BOOM SPESA SANITARIA? ALLARME PRIVO DI FONDAMENTO

Quotidiano Sanità - Gentile Direttore, il 6 giugno su Quotidiano Sanità è stato sintetizzato il Rapporto Censis-RBM con un titolo riferito a un presunto “Boom spesa privata”. Il 7 giugno Marco Geddes ha subito rilevato che il “messaggio di 40 miliardi di spesa privata è semplicistico, se non fuorviante”. In realtà il messaggio di un forte aumento della spesa privata non è solo “fuorviante”, ma del tutto infondato, perché non tiene conto del potere di acquisto delle monete (che varia nel tempo), come invece correttamente fanno le istituzioni nazionali e internazionali che pubblicano dati seri, corretti in PPP$ per un anno di riferimento.
Per documentarlo, si leggano i dati ufficiali comparativi relativi ai paesi dell’OCSE, con la spesa privata complessiva dal 2000 al 2016 (vedi tabella, estratta oggi, cui ho aggiunto sul foglio di calcolo tre colonne di elaborazioni: spesa 2008/2000, 2016/2009, 2016/2000). Anzitutto, devo ripetere che...>>>

venerdì 8 giugno 2018

AUSTRALIA. PRIVATE HEALTH INSURANCE AN PRE-EXISTING CONDITIONS

News Medical (Life Science) - In Australia, although pre-existing conditions are referred to in the policy literature of all private health insurers, the exact details could vary from one insurer to the other. A waiting period, which is not more than 12 months, can be executed by health insurers before the insured person is able to access hospital benefits for certain pre-existing conditions.
Pre-existing conditions are medical conditions, ailments, or illnesses for which the insured person exhibits symptoms or signs at any stage in the preceding six months, calculated to the day the policy becomes active. There is no need for a diagnosis. Moreover, the insured people are not expected to know about the pre-existing condition. It could rely on the opinion of a medical adviser..>>>

giovedì 7 giugno 2018

UNDICI MILIONI DI ITALIANI INDEBITATI PER PAGARE PILLOLE ANALISI E VISITE MEDICHE

La Stampa - La spesa sanitaria privata quest’anno sfiorerà il muro dei 40 miliardi, proseguendo una corsa che dal 2013 al 2017 l’ha vista crescere del  9,6% - Per pillole, visite e analisi gli italiani spendono sempre più di tasca propria, al punto che 11 milioni di assistiti si sono dovuti indebitare per pagarsi le cure. Addirittura tre milioni sono stati costretti a vendere casa per fronteggiare spese sanitarie che gli economisti definiscono “catastrofiche”. Del resto i numeri parlano chiaro: la spesa sanitaria privata quest’anno lambirà il muro dei 40 miliardi, proseguendo una corsa che dal 2013 al 2017 l’ha vista crescere del 9,6%. Mentre quella pubblica pro-capite reale in sei anni, dal 2010 al 2016, si contraeva dell’8,8%. Dato in controtendenza rispetto a Germania (+ 11,4%) e Francia (+6,2%)...>>>

mercoledì 6 giugno 2018

SYSTEMES PUBLICS DE SANTE EUROPEENS: LA CONCURRENCE VAUX MIEUX QUE LE MONOPOLE

Contrepoint - Les systèmes de protection sociale font aujourd’hui face à une augmentation constante de leurs coûts de fonctionnement. C’est particulièrement le cas en Europe, l’offre et la demande de soins s’accroissent rapidement. Cela est principalement dû à des raisons démographiques, à la prévalence de maladies chroniques, à des besoins d’amélioration des infrastructures et au développement technologique. De manière générale, « on estime que les dépenses de santé ont augmenté de 2,8% en 2013 – en légère hausse par rapport à 2012 dont le taux s’élevait à 2%. Ces dépenses...>>>

martedì 5 giugno 2018

AIOP LAZIO, FARONI RICONFERMATA ALLA PRESIDENZA FINO AL 2021: "SANITA' PRIVATA SIA INTERLOCUTORE IMPORTANTE DELLO STATO"

Sanità Informazione - L’AIOP Lazio ha rinnovato le cariche: al timone dell’Associazione italiana ospedalità privata del Lazio resta Jessica Faroni, riconfermata dopo 9 anni di mandato, fino al 2021. Vicepresidente è Massimo Miraglia. L’elezione è avvenuta all’unanimità.Faroni è medico chirurgo, neurologo, manager sanitario, è a capo del Gruppo Ini (Istituto neurotraumatologico italiano), presente con 10 strutture accreditate con il Ssn nel Lazio e in Abruzzo. Il vicepresidente Miraglia, è consigliere delegato e direttore generale del Gruppo Giomi. Da oltre 20 anni partecipa alla vita associativa ricoprendo, a livello nazionale e in diverse regioni, cariche sociali. Per 4 anni presidente dell’Aiop Calabria, Miraglia conosce le difficili dinamiche dei piani di rientro.L’Aiop rappresenta 118 istituzioni sanitarie e socio sanitarie di matrice laica e anche religiosa (acuti, riabilitazione, lungodegenza, psichiatriche, Rsa, hospice, centri ex art. 26, domiciliari e ambulatoriali) con 11.731 posti letto. L’Aiop Lazio è la sede regionale con un numero maggiore di posti letto (22% sul totale nazionale)...>>>

lunedì 4 giugno 2018

APPLE'S NEXT BIG IDEA: PRIVATE HEALTHCARE

Computer World - Apple has launched a new subsidiary company tasked with providing healthcare clinics to Apple employees: AC Wellness.
According to the AC Wellness website, the company is based at the Apple health center in Cupertino, California, between its original headquarters at Infinite Loop and Apple Park. CNBC’s Christina Farr, who broke the news, claims the new primary care clinics will launch in earnest this spring at locations in Santa Clara County.To support the attempt, Apple is recruiting doctors, health coaches, nursing staff and “designers.” You can find ads on Glassdoor, Indeed, and LinkedIn...The clinics will only cater for the health needs of Apple employeesand will be situated at several locations in the area, including...>>>

venerdì 1 giugno 2018

GIULIA GRILLO (M5S) ALLA SALUTE: "IO CONTRARIA ALL'OBBLIGO DEI VACCINI"


Corriere della Sera - Catanese, 43 anni, medico con specializzazione in medicina legale, grillina doc. Così si presenta Giulia Grillo, stesso cognome del fondatore dei 5 stelle ma nessuna parentela. La sua immagine come ministro della Salute del governo Conte si identifica soprattutto con le idee, sue e dell’intero Movimento, sulle vaccinazioni. «Non sono contraria però non ci deve essere l’obbligo», ha più volte affermato in linea col manifesto scritto dall’immunologo Guido Silvestri, ora ricercatore noto negli USA, chiamato a titolo gratuito dal partito per impostare la strategia vaccinale. Silvestri ha corretto l’iniziale ostilità dei 5stelle alle vaccinazioni, indicando una strada più ragionevole e scientificamente condivisibile..>>>

giovedì 31 maggio 2018

IS IT A MIGRAINE? MANY PATIENTS DON'T REALIZE WHAT CAUSES THEIR SUFFERING

The New York Times - The first of a new class of drugs to prevent migraines was approved last week. The medication, called Aimovig, reduces the frequency of migraines among those severely afflicted, but the drug rarely prevents these episodes altogether. One expert called it “progress but not a panacea.” Migraine is the most disabling neurological disease in the world among people under age 50, beating epilepsy, strokes and chronic back pain. Yet many who have migraines don’t realize it or ever mention their symptoms to a doctor. Migraines are not just headaches. It is diagnosed in patients only if they have had a minimum of five attacks, each lasting four to 72 hours. Each attack has to include at least two of the following symptoms...>>>

mercoledì 30 maggio 2018

SOFTWARE E APP IN SANITA': VANTAGGI E PROBLEMI

Agenda Digitale - Quando si parla di sanità mobile o “mHealth” si fa riferimento a molteplici tipologie di soluzioni tecnologiche. In primis, quelle che permettono di monitorare i parametri vitali, quali ritmo cardiaco, attività celebrale, pressione sanguigna e temperatura corporea. Vi sono, poi, anche le app abilitate a connettersi a dispositivi medici o sensori, come braccialetti o orologi, e volte in questo caso a migliorare lo stile di vita (app contacalorie, app contapassi, ecc.). Vedi uno scenario su app in Sanità. Infine, all’interno della mHealth deve ricomprendersi anche il mondo della telemedicina,ovverosia l’erogazione di servizi di assistenza sanitaria, tramite il ricorso a tecnologie innovative, in situazioni in cui il medico e il paziente...>>>

martedì 29 maggio 2018

FOR THOSE WITH DEMENTIA, HELP FROM TECHNOLOGY

The Wall Street Journal - Sensors, tablets and other devices can make it easier to live independently for longer. Technology promises to make it easier for people with dementia to live independently for longer and stay connected with family and friends.
Home sensors, communications and personal navigational devices—some of which are already commercially available—provide ways to monitor patients and loved ones from afar. Robotics, smartphone apps and some intriguing experiments with tablet computers, meanwhile, show the potential to help sufferers of dementia sustain their social and family contacts...>>>