martedì 26 marzo 2019

MEDICARE FOR ALL WOULD ABOLISH PRIVATE INSURANCE. "THERE'S NO PRECEDENT IN AMERICAN HISTORY"

The New York Times - At the heart of the “Medicare for all” proposals championed by Senator Bernie Sanders and many Democrats is a revolutionary idea: Abolish private health insurance. Proponents want to sweep away our complex, confusing, profit-driven mess of a health care system and start fresh with a single government-run insurer that would cover everyone. But doing away with an entire industry would also be profoundly disruptive. The private health insurance business employs at least a half a million people, covers about 250 million Americans, and generates roughly a trillion dollars in revenues. Its companies’ stocks are a staple of the mutual funds that make up millions of Americans’ retirement savings...>>>

lunedì 25 marzo 2019

SANITA', AIOP CONTRATTO E' PRIORITA'

Ansa - L'Aiop Lazio, nella persona della Presidente Jessica Veronica Faroni e del Direttore Generale, Mauro Casanatta, venerdì mattina ha ricevuto una delegazione di sindacati della sanità privata riuniti in presidio sotto la sede dell'associazione a Roma. Motivo della protesta: il mancato rinnovo, dopo 12 anni, del contratto dei dipendenti di strutture sanitarie private accreditate. Durante l'incontro l'Aiop si è impegnata a discutere di nuovo il tema durante il comitato esecutivo in programma lunedì 25 marzo, per poi comunicare quanto deciso alla Sede Nazionale...>>>

venerdì 22 marzo 2019

KEEPCALL. LA TRASPARENZA NECESSARIA PER CONOSCERE IL PROPRIO TRAFFICO TELEFONICO

Clinic News - La trasparenza diventa una caratteristica fondamentale per vederci chiaro. E nel caso del flusso di telefonate che entrano quotidianamente nei centralini di una struttura sanitaria, riuscire a vedere "dentro" il flusso sarebbe di un'utilità davvero non trascurabile. Cosa potremmo scorgere di tanto interessante in questo flusso? Beh, intanto il numero di telefonate che arrivano, scoprendo quante sono quelle cui si riesce a rispondere e quante quelle che vanno perdute. E già questo è un bel salto di consapevolezza che consente di gestire in modo migliore il desk telefonico e i suoi addetti.Ma le scoperte non si fermeranno qui. Infatti grazie a KeepShot, uno degli elementi importanti del sistema KeepCall, si riescono a individuare quei dati...>>>

giovedì 21 marzo 2019

HEALTH CARE IN IRELAND LEAVES MUCH TO BE DESIRED

The Economist - As the united kingdom prepares to slip its European moorings, the ties that bind it together are also under strain. In Northern Ireland, which (like Scotland) voted to remain, there is often talk that a “hard Brexit” could even build new momentum for a united Ireland. One reason for doubting this, however, can be summed up in a word: health. The 1.8m people of Northern Ireland enjoy free access to the British taxpayer-funded National Health Service (nhs). The Republic of Ireland’s 4.8m residents have to make do with something less appealing. “I know people up north whose life’s ambition is to see a united Ireland, and yet they worry when they see the health service we have down here,” says Louise O’Reilly, an mp in Dublin and health spokesperson for the all-island Sinn Fein party...>>>

mercoledì 20 marzo 2019

LA SANITA' PRIVATA PUNTA SUL DIGITALE, ECCO LA POLIZZA CUSTOMER CENTRIC

CorCom - Sono full digital le nuove polizze con cui Rendimax, piattaforma e-commerce assicurativa di Banca Ifis, amplia il pacchetto di proposte per la salute. Il prodotto, lanciato in collaborazione con Yolo, copre spese mediche, chirurgiche, dentali, infortuni e ricoveri ospedalieri. Si tratta nello specifico di 5 moduli con garanzie valide fino a 74 anni di età.
In questo modo Banca Ifis rafforza la propria presenza nel mercato della spesa sanitaria privata italiana che vale, spiega il gruppo – vale oltre 40 miliardi: solo il 2% è coperto da assicurazione. Sette italiani su dieci pagano di tasca propria e prestazioni sanitarie per un esborso medio annuale di 655 euro e una spesa sanitaria totale privata di oltre 40 miliardi...>>>

martedì 19 marzo 2019

CAN DEMOCRATS AND REPUBLICANS STRIKE A DEAL ON HEALTH CARE?

Forbes - Is there a health care deal that would meet the needs and solve the political problems of members of both parties in Congress?
It seems almost inconceivable. The only talk on the left at the moment is Medicare for all. On the right there is not much talk about any aspect of health care. But when pressed, Republicans would still like to abolish Obamacare. Neither party is going to get its wish any time soon.
Still, desperate times call for new thinking. As voters get tired of hearing promises that are never met and never will be met, politicians will feel increasing pressure to accomplish something.
To see how some innovative thinking might produce major reform, let’s stop to consider why...>>>

lunedì 18 marzo 2019

BIG DATA E INTELLIGENZA ARTIFICIALE , SI MOLTIPLICANO GLI INVESTIMENTI IN SANITA' DIGITALE

Sole 24 Ore - Sono Big data, Intelligenza artificale e Deep learning le nuove frontiere dalla sanità destinate a rivoluzionare diagnosi e terapie. Una medicina, quella di un futuro non tanto lontano, che non sarà più solo di precisione ma cucita su misura al paziente grazie anche al contributo delle nuove tecnologie digitali in grado di analizzare, condividere e interpretare miliardi di dati. Un cambiamento epocale - è emerso nel corso del convegno "The evolving role of the medical scientist in the digital era" realizzato e sostenuto dalla Fondazione Silvio Tronchetti Provera in collaborazione con Cariplo Factory - che dal 2011 a oggi ha portato a quintuplicare gli investimenti dell'industria sanitaria digitale. I campi in cui l'intelligenza artificiale è già pronta per un'applicazione concreta è quella dell'imaging, vale a dire tutti quegli esami che si basano sulle immagini, come risonanza...>>>

venerdì 15 marzo 2019

WHY BUSINESS HEALTH INSURANCE TOPS WORKERS' LIST OF PREFERRED BENEFITS

Real Business - Wen asked what employee benefits they’d like their employer to provide, almost 1 in 3 workers at the UK’s SMEs said health insurance, ranking this top of the list of insurance benefits workers would like to see.
The NHS does a fantastic job with the resources it has, but pressure is growing thanks to funding squeeze and a sicker population. Given this, it’s no wonder that a policy that provides treatment for acute medical issues in private facilities with no waiting lists is so popular among workers. 
Yet it’s not just workers who benefit from business health insurance – employers can gain from it, too. NHS waiting statistics make for sobering reading...>>>

giovedì 14 marzo 2019

14 MARZO LA "GIORNATA MONDIALE DEL RENE " IN ITALIA 2,2 MILIONI AFFETTI DA MALATTIA CRONICA

Quotidiano Sanità - In occasione della Giornata Mondiale del Rene che ques'anno si celebrerà il 14 marzo 2019 la Fondazione Italiana del Rene Onlus (FIR) e la Società Italiana di Nefrologia (SIN) organizzano in tutta Italia la "Settimana della prevenzione sulle malattie renali".
Dall'11 al 17 marzo prossimi nelle piazze delle più importanti città italiane e nelle scuole secondarie superiori che vorranno aderire all'iniziativa - la FIR e la SIN congiuntamente promuoveranno la campagna di sensibilizzazione "Salute dei reni per tutti, ovunque" (https://www.worldkidneyday.org/). FIR e SIN, con la collaborazione dei Nefrologi, metteranno a disposizione un voucher gratuito per i soggetti a rischio che intendano sottoporsi ad un primo screening renale...>>>

mercoledì 13 marzo 2019

HOSPITAL COME OUT SWINGING AGAINST MEDICARE BUY-IN PROPOSAL

Bloomberg Law - Proposal would take 36.5 million people out of private health insurance, hospital lobbies say
Legislation would result in $1.2 trillion in lower payments to hospitals and health-care providers over 10 years, study saysSome 36.5 million Americans now covered by employer-sponsored or individual health insurance would likely switch to Medicare by 2024 if a bill to create a low-cost public health option becomes law, two high-powered hospital associations said March 12.
Under the Medicare-X Choice Act (S. 1970), introduced by Sens. Michael Bennet (D-Colo.) and Tim Kaine (D-Va.), most people would be able to buy a low-cost public health plan on the Affordable Care Act exchanges, and providers would be reimbursed...>>>

martedì 12 marzo 2019

SANITA' A VENEZIA, CENTRI PRIVATI QUADRUPLICATI

Corriere della Sera - Il business della salute: servizi d’avanguardia e niente liste d’attesa. A piazzale Roma il primo poliambulatorio privato da duemila metri quadri nell’ex palazzina Ligabue. A Mestre il primo polo privato di medicina estetica all’Hybrid tower, con laser di ultima generazione. A Marcon il primo punto prelievi privato della città con annesso poliambulatorio con venti specialisti e quindici discipline mediche. A Spinea analisi del sangue nuove di zecca e trenta specialisti al poliambulatorio privato di via Roma. A Scorzé una nuova struttura privata di medicina fisica e riabilitativa. E ancora a Mestre il poliambulatorio privato di via Poerio che rilancia con termogenoterapia, crioterapia e massoterapia con proteine della seta...>>>

lunedì 11 marzo 2019

KEEPCALL: SONNI TRANQUILLI, SENZA INCUBI DI TELEFONATE PERSE

Ecco alcuni vantaggi conseguenti all’adozione di KeepCall in una struttura sanitaria


Qui di seguito presentiamo un succinto elenco di vantaggi e benefici che l’adozione del sistema KeepCall, messo a punto dalla Theles, può conferire ad un’azienda. 

E, nello specifico, a quelle sanitarie che, dovendo gestire quotidianamente un’ingente mole di telefonate entranti, devono affrontare diversi problemi di funzionalità del desk telefonico e delle risorse umane addette. 

E vedremo come questi problemi possano riverberarsi in modo negativo su altre attività svolte dalla struttura, sia nei confronti della clientela che della propria organizzazione.


SAPERE DI NON SAPERESottovalutare o non sapere?
Conoscere tutti i dati è fondamentale per una valutazione analitica della situazione che consenta quindi di progettare una soluzione che razionalizzi i costi, ottimizzi il servizio e recuperi fatturato…>>>
OGNI LASCIATA E’ PERSAIl problema primario delle telefonate perse.
• I clienti che non sono riusciti a contattare la struttura riprovano a chiamare, ma alla fine, dai rilevamenti, risulta che le telefonate definitivamente perse si attestano intorno al 30%…>>>
LA FAME VIEN MANGIANDO - 30% di telefonate perse, sono altrettante prestazioni non erogate.
I dati ci dimostrano che, in generale, prenotazioni rapide e veloci attirano più clienti, generando un trend virtuoso, soprattutto quando invece la concorrenza impone loro numerosi tentativi, lunghe attese e addirittura interruzioni della telefonata mentre attendono in coda...>>>
“SPLIT” L’OPZIONE CHE RENDE TUTTO PIU’ SEMPLICEUna soluzione per le prenotazioni e una per l’uso interno.
Con “tutto in cloud” si gode di du canali separati, una maggiore funzionalità, un’assistenza più rapida, più pronta ed una sicurezza aumentata…>>>
NULLA DA COMPARE, NIENTE DA INVESTIREL’offerta di Theles per le aziende associate AIOP che proveranno gratuitamente KeepCall.
Se si decide di adottare KeepCall (che non si acquista, ma si paga con un canone a consumo mensile), il piccolo investimento per il contributo all’attivazione, sarà già stato assorbito dal recupero di prestazioni (tra le prime due settimane di prova e i trenta giorni dopo cui viene emessa la prima fattura)…>>>
KEEPCALL PIU’ UNICO CHE RARO - L'unico sul mercato italiano per per risolvere i problemi dei punti precedenti
La Theles dispone per KeepCall di database e procedure di analisi unici, che permettono di proporre soluzioni personalizzate ed efficaci alle differenti problematiche telefoniche delle diverse aziende sanitarie…>>>

venerdì 8 marzo 2019

LES CHSLD PRIVES SOUHAITENT AVOIR UN MEILLEUR FINANCEMENT

Le Journal de Montreal - Les CHSLD privés dénoncent la «problématique majeure» des écarts de financement qui nuisent aux soins offerts aux résidents, et exigent un montant minimal uniforme.
Le montant payé par le gouvernement pour un patient en perte d’autonomie varie de 160 à 250 $ par jour dans les 46 CHSLD privés, au Québec, a appris Le Journal.
«C’est énorme, c’est aberrant», dénonce le président de l’Association des établissements de longue durée privés du Québec, Michel Nardella.
Annuellement, cette disparité se traduit par des écarts de financement allant jusqu’à 1,5 million $ entre les résidences, calcule-t-il...>>>

giovedì 7 marzo 2019

SHOULD U.S. ADOPT GERMANY'S HEALTH CARE MODEL?

The New York Times - Dr. Daw holds up the German-style system of nonprofit private health insurers as a better model for the United States than a single-payer system. While I can understand why the professor believes that a German-style system “builds more naturally on the American health insurance system,” it’s hard to believe that it would meet significantly less resistance from the insurance industry than a single-payer system.
In fact, Dr. Daw actually explains why this is the case: “In an American version of this system, private insurers would have to be heavily regulated to ensure that coverage was affordable and to prevent the sort of rapid increases in premiums...>>>

mercoledì 6 marzo 2019

SANITA' PRIVATA, FUMATA NERA IN PREFETTURA

Sanità privata, fumata nera in Prefettura: "Dal 13 marzo riparte la mobilitazione"

Roma Today - Fumata nera in Prefettura ieri all'incontro tra i rappresentanti sindacali dei lavoratori della sanità regionale e le organizzazioni datoriali Aiop, Aris e Federlazio. "Dal 13 marzo riprenderà la mobilitazione per il contratto" l'annuncio dei segretari regionali di Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio e Uil Fpl Roma e Lazio. "Ci saranno bandiere e assemblee in tutte le strutture. Sarà un crescendo di azioni di protesta e di iniziative clamorose. Siamo pronti ad andare fino in fondo, fino ad arrivare ad un nuovo sciopero regionale". La trattativa per il rinnovo del contratto, fermo da 12 anni, è saltata sul tavolo della contrattazione nazionale. Il settore, nel Lazio, coinvolge i 25 mila lavoratori delle strutture accreditate, ospedali, Irccs, case di cura, centri di riabilitazione, Rsa e centri territoriali e ambulatoriali...>>>

martedì 5 marzo 2019

THAT STUDY GOING AROUND ON BERNIE SANDER'S "MEDIACARE FOR ALL" PLAN COMES WITH A BIG CATCH - THE US WOULD ACTUALLY BE SAVING MONEY OVERALL - ON HEALTHCARE

Business Insider - A new report from the libertarian Mercatus Center found that Sen. Bernie Sanders' "Medicare for All" plan would cost the federal government an additional $32.6 trillion over 10 years.
But the Mercatus report also found that the national health expenditure — the total amount spent on healthcare in the US by the federal government, states, businesses, and individuals — would come in below current projections under Sanders' plan. 
So while the price tag for the federal government would increase, the total cost of healthcare would go down, and more than 30 million uninsured Americans would get access to healthcare, according to Mercatus' model...>>>

lunedì 4 marzo 2019

NUOVE TECNOLOGIE TRA RISCHI E OPPORTUNITA'

Quotidiano Sanità - Alcune recenti scoperte scientifiche, il prepotente ingresso nel campo medico delle tecnologie informatiche e l'immissione sul mercato di dispositivi diagnostici indossabili richiedono alcune, improcrastinabili, riflessioni. - scrive il Dott. Giuseppe Renzo Presidente CAO Messina - I colossi dell'informatica stanno mettendo a punto tutta una serie di dispositivi in grado di monitorare i vari parametri fisiologici e di segnalare immediatamente le loro alterazioni, come è stato riportato su diversi articoli comparsi sulla stampa, e l’”internet delle cose”, presto disponibile, renderà tutto facile, semplice, alla portata di tutti. Ma i dati biometrici e sensibili vengono tratti da App (a cui vengono affidati per altri motivi) e condivisi a nostra insaputa con FB, secondo un bellissimo servizio divulgato...>>>

venerdì 1 marzo 2019

FIRENZE OSPITA LA CONFERENZA INTERNAZIONALE "LONG TERM CARE AGING IN PLACE"

Sanità Informazione - La long term care, l’assistenza a lungo termine per gli anziani non autosufficienti, è da tempo nell’agenda delle politiche pubbliche dei paesi industrialmente avanzati e si prevede sia destinato a crescere lo squilibrio tra domanda di assistenza, che aumenta a causa del progressivo invecchiamento della popolazione, e le risorse pubbliche a disposizione alle quale necessariamente si affiancano modelli di welfare fondati su risorse private.
Ma saranno le nuove generazioni disponibili a pagare per le esigenze degli anziani di domani? In che limiti? A quali programmi dare la priorità, alle pensioni o all’assistenza? Quale livello di equità, e quindi di redistribuzione, potremo permetterci? A queste domande risponderà la conferenza internazionale “Long Term Care. Aging in place” che si svolgerà a Palazzo Vecchio dal 28 febbraio al 2 marzo...>>>